MAYPAC

The fight of the century

Edizioni Incontropiede

Due pugili diversissimi tra di loro, ma simili per passato e sogni, due uomini ricchissimi che dopo una giovinezza difficile hanno trovato nella boxe la loro strada fortunata. Fortuna che sarebbe stata niente se entrambi non avessero fatto valere sul ring la loro classe e i loro pugni, tanto da diventare dei veri e propri fenomeni, mediatici oltre che sportivi. Floyd Mayweather e Manny Pacquaio sono due tra i più forti pugili dell'ultimo ventennio. In MayPac Andrea Bacci racconta le vicende umane e sportive di Floyd e Manny, analizza le due carriere incontro per incontro, infine fa un’approfondita disamina di quello che è stato definito “il match del secolo”. Tenutosi a Las Vegas il 2 maggio del 2015, dopo almeno cinque anni di trattative precedentemente andate a vuoto, l’incontro ha acceso la fantasia degli appassionati di tutto il mondo e ha generato guadagni spropositati. Ma soprattutto ha ridato energia ad uno sport come la boxe che pareva essere in definitivo declino.

IL TORDO E LA SASSATA

Storia del primo anno dell'ASD Cetona 1928

The Lab, pp. 144, € 10,00, Maggio 2015 

La storia del primo anno e del primo campionato di calcio dell'ASD CETONA 1928. Pagelle, personaggi, storie, vittorie e sconfitte, tutte insieme, per descrivere il calcio vero, quello che non racconta mai nessuno.

gol mondiali

Prefazione di Giancarlo De Sisti

Edizioni inContropiede,pp 140, €14,50, dicembre 2014

Gol mondiali ripercorre, attraverso diciannove racconti di fantasia di altrettanti scrittori di sport, la storia della Coppa del Mondo da Uruguay 1930 a Brasile 2014. Ognuno degli autori ricorda un gol mondiale e racconta una storia, che dal quel gol prende vita o di cui quel gol é solamente sfondo. Nel libro le immagini delle partite e delle reti si intrecciano con la fantasia degli scrittori. Nella parte conclusiva del volume il lettore rivivrà Brasile 2014, grazie ad un piccolo esperimento di scrittura collettiva.

La prefazione del libro é firmata da Giancarlo De Sisti, il mitico Picchio ex calciatore e giornalista. In questo libro Edizioni inContropiede schiera i nostri: BACCI, BALLESTRACCI, BASSI, BEDESCHI, FACCHINETTI, FAVRETTO, FERRIO, GHEDINI, GRASSI, IMPIGLIA, LONGHI, LORENZETTI, MASTROLILLI, PALIOTTO, POMPEI, PUPPO, SICA, TACCONE

saudade & brazuca

Quello che è stato Brasile 2014, il Mondiale dei Mondiali

Urbone, pp. 116, € 12.00, Agosto 2014 
 

L'hanno definito "il Mondiale dei Mondiali", e a ragione. Brasile 2014 è stato un grande torneo, si è visto grande spettacolo, grandi partite, ottimi interpreti, grandi sorprese, piacevoli o meno, pochi falli, tanto gioco e discreti arbitri. Questo libro è la cronaca gara dopo gara, giorno dopo giorno, storia dopo storia, di un mese di grandissimo calcio vissuto in Brasile.

la sorella di zidane e altre storie

Storia semiseria e tragicomica dell'Italia ai Mondiali di calcio

Urbone Publishing, pp. 196, € 12.90, Maggio 2014 
 
La storia dei Mondiali di calcio è una lunga sequela di avventure, strepitose, tristi, avventurose, drammatiche, che spesso fanno ridere, a volte fanno piangere. E' in fin dei conti la storia della nostra Nazionale di calcio, che ocn il torneo iridato ha strettamente legato le proprie vicende di squadra e quelle individuali dei propri personaggi, a volte eroici, a volte meschini. Questo libro è il racconto semplice e dissacrante di queste piccole grandi avventure, di tante storie che ci fanno sorridere, ci fanno esaltare, ci fanno arrabbiare, un racconto fatto di ricordi che possono essere lontanissimi nel tempo ma anche molto freschi nella memoria, da leggere con il sorriso sulle labbra ma anche cercando di riflettere.

mussolini, il primo sportivo d'italia

Il duce, lo sport, il fascismo, i grandi campioni degli anni Trenta

Bradipolibri editore, pp. 112, € 13,00, Gennaio 2014 
 
Mussolini, il fascismo, lo sport, i grandi campioni sportivi: un rapporto e una serie di eventi che hanno reso per la prima volta in Italia gli eventi agonistici alla stregua di grandi manifestazioni popolari con importanza sociale e politica. Il libro ripercorre lo stretto abbraccio e l'uso politico che il duce fece dello sport, sia a livello personale, sia come occasione per maggiore prestigio politico. Prefazione di Roberto Beccantini

volevo solo vincere

Atto unico liberamente ispirato alla carriera del pugile Alan Minter

Photocity Open, pp. 49, € 8.00, Novembre 2013 
 

Alan Minter è stato un grande pugile inglese. Uno dei migliori degli anni Settanta, campione europeo e mondiale dei pesi medi, terribile picchiatore dal sinistro fulminante. In Italia è tristemente famoso per aver provocato involontariamente la morte di Angelo Jacopucci durante un tragico incontro a Bellaria il 19 luglio del 1978. Questo libro è una autobiografia inventata e liberamente ispirata della sua carriera che ha il fulcro proprio in quel tragico evento.

IL PERUGIA DI LUCIANO GAUCCI

Vittorie, batoste e colpi di testa

Pubblicato in proprio, pp.226, € 17.00, settembre 2013 

Tutto, ma veramente tutto, sulla storia del Perugia calcio sotto la gestione di quell'incredibile personaggio che è Luciano Gaucci. Tutte le partite (anche le amichevoli!), tutte le tante vittorie, tutte le tante sconfitte e soprattutto tutti i tanti "colpi di testa" di un uomo di calcio discusso e discutibile ma sempre vero, genuino, sanguigno e profondamente generoso. Dossena, Cosmi, Gheddafi sono solo alcuni dei personaggi di una storia che non deve mancare nello scaffale di libri sportivi, non solo dei tifosi perugini.

MUHAMMAD ALI'. STORIA DI UNA RIVOLUZIONE

Leggenda e storiografia del più grande

Ultra Sport, PP. 287, Euro 18.50, giugno 2013

Muhammad Ali, conosciuto anche come Cassius Clay, non è solamente ricordato come l’atleta più famoso al mondo, ma è anche uno dei pochissimi esempi di campione che è riuscito a incidere profondamente nella cultura, nella società e nella storia del suo tempo, tanto da essere unanimemente considerato come il personaggio della storia dello sport più riconoscibile a livello mondiale. Questo libro racconta la vita e la carriera di quello che è anche uno dei pugili più forti della storia, la sua è la vicenda umana di un ragazzino nero cresciuto nell'America razzista che si inventa campione di boxe, affina le grandi risorse fisiche naturali e ci aggiunge l'invenzione di presentarsi al pubblico come personaggio vero e proprio, esuberante, sopra le righe, spesso rasentando l'antipatia e l'odio da parte di chi lo ascolta. Il libro che ne racconta minuziosamente vita e carriera non è solo la lunga cavalcata dei suoi incontri, delle sue incredibili e talvolta discusse vittorie, del suo tornare a essere campione del mondo anche dopo una ingiusta e lunghissima squalifica per aver detto "no" all'esercito americano e all'assurda guerra del Vietnam, ma anche la ricerca, quasi ossessiva, della spiegazione della sua Rivoluzione, ossia di quella leggenda sportiva e non che gli aleggia intorno. Muhammad Ali è stato un personaggio che ha trasceso i ristretti ambiti della sua disciplina sportiva per entrare nella storia vera e propria a cavallo tra il XX e il XXI secolo. E' l’atleta, se non più forte, sicuramente più conosciuto e importante della storia. In poche parole: il Più Grande.

i ragazzi venuti dal brasile

Storia della "Squadra dei Sogni" al Mondiale 1982

Urbone Publishing, pp. 92, € 12.00, Maggio 2013

"I ragazzi venuti dal Brasile" è il racconto della genesi e dell’avventura della squadra nazionale brasiliana che partecipò al Mondiale di calcio di Spagna del 1982. Per tutti gli addetti ai lavori quella squadra, e i fuoriclasse che la componevano, era stata costruita per vincere facilmente quel torneo e nessun’altra formazione sembrava in grado di poterne ostacolare il passo. Guidata in panchina da Telé Santana, quel Brasile poteva schierare autentici fenomeni del calcio internazionale, alcuni dei quali sono poi rimasti nella storia come protagonisti non solo in Brasile ma anche in altri campionati, tra cui quello italiano: Zico, Socrates, Cerezo, Falcão, solo per citarne alcuni. Questa incredibile nazionale, narrata in tutte le sue partite disputate e nelle biografie dei suoi protagonisti, pur nella sconfitta rimediata contro l’Italia, rimane tutt’ora nell’immaginario degli appassionati e dei tifosi di calcio, come una delle più belle e perfette squadre che abbiano mai calpestato un campo da gioco.

 


PARTITA FINISCE QUANDO ARBITRO FISCHIA

Storia del calcio italiano e internazionale (1930-2012)

Photocity Open, pp.443, 19.00, Gennaio 2013

Il gioco del calcio è lo sport più amato e seguito in Italia. Appassiona milioni di persone di ogni generazione, diventando spesso fenomeno di costume sociale, politico e anche economico. La sua storia è la storia di un paese, di un continente, di un mondo intero. Questo libro è la cronaca puntuale, appassionata e dissacrante di più di ottant'anni di calcio italiano e internazionale, attraverso le grandi competizioni per rappresentative nazionali. Una lunga storia di uomini e partite di calcio che superano la sfera sportiva per diventare storia comunemente detta. Un viaggio senza fine all'interno delle radici e del recente passato dello sport più bello del mondo. Per vedere da dove viene e capire dove sta andando.


LA BALLATA DI GRESKO E POBORSKY

Storia del 5 maggio 2002 e del più incredibile scudetto della Juventus

Pubblicato in proprio, pp.157, 15.50, Gennaio 2012
Il 5 maggio 2002 è una delle date più famose e drammatiche della storia del calcio italiano. In quel giorno si consumò uno dei più importanti e famosi drammi sportivi, con una squadra, l'Inter, che pareva già accarezzare la vittoria di uno scudetto atteso e da tanti anni sospirato, ma che sfuggì clamorosamente per una svariata serie di motivi. Questo libro è la storia di quella incredibile stagione che culminò con una vittoria, quella della Juve, che pareva impossibile per larghi tratti del campionato.


L'IMPORTANTE E' PARTECIPARE

STORIE OLIMPICHE DI CHI HA VINTO E DI CHI HA SOLO PARTECIPATO

Pubblicato in proprio, pp.306, 18,50, Gennaio 2012

La grande storia olimpica dal 1896 al 2008 come non l'avete mai letta. Le storie dei vincitori e degli sconfitti, degli eroi e delle comparte, in un susseguirsi di grande fascino e di incredibile coinvolgimento. Tutti, ma proprio tutti, i grandi nomi dello sport mondiale che hanno fatto la storia delle Olimpiadi, una carrellata senza sosta e senza respiro, coniugata con i grandi fatti storico, politici e sociali che ogni volta hanno fatto da cornice.

ESSERE MIKE TYSON

Vita, successi ed eccessi del più discusso pugile della storia della boxe

Limina Editore, pp. 245, 15,00, Novembre 2011

In pochi altri casi come per Mike Tyson, la vicenda privata e quella sportiva si sono inestricabilmente intrecciate e fuse, l'uomo ha così irrimediabilmente condizionato latleta. Il ring lo aveva tirato fuori dal ghetto di Brooklin, ma non dall'inferno che si portava dentro, e Cus DAmato, lallenatore-padre che gli stava insegnando come fare, se nera andato troppo presto. I suoi colpi erano così facili e così cattivi perché al suo sguardo la strada e il quadrato del ring si confondevano e in entrambi esplodeva lo stesso odio e la stessa voracità. Violenza allo stato puro, l'America sportiva, e non solo, instancabile divoratrice di miti, ha usato questo fenomenale pugile enfatizzandone l'anima buia, il lato oscuro, facendone l'idolo da esaltare sull'altare della gloria, prima, e da gettare nella polvere, poi, il totem che poteva catalizzare la nostra rabbia e le nostre paure, la parte «cattiva» di ognuno di noi, il nostro fondo malato e perverso. Quasi tutti quelli che gli sono stati vicini erano lì per qualche altro fine, «attorno all'enorme corpo muscoloso di Mike stavano girando molti alligatori» perché i suoi pugni potessero diventare il riscatto definitivo di un ragazzino sensibile e introverso che aveva bisogno di imparare prima di tutto come diventare un uomo. Perché come dice il detto: "Puoi anche uscire dal ghetto, ma il ghetto non esce mai da te".

I NOSTRI CAMPIONI (AA.VV.)

Brapipolibri editore, pp. 214, 15.00, Aprile 2010

A cura di Alberto Rossetto e A.N.A.J. (Associazione Amici della Juventus) Trentasei scrittori, giornalisti, persone del mondo dello spettacolo e della cultura e semplici tifosi juventini, raccontano cinquantanove grandi campioni che hanno vestito la maglia bianconera della Vecchia Signora. Oltre a me, che ho raccontato due personaggi troppo spesso dimenticati come Liam Brady e Massimo Bonini, hanno collaborato Stefano Discreti, Massimiliano Bruno, Francesco Caremani, Umberto Marini, Nico Ivaldi, Principio Paolino, Max Pisu e tantissimi altri.

QUELL'ULTIMA NOTTE A LAS VEGAS

MARVELOUS MARVIN HAGLER E SUGAR RAY LEONARD OLTRE IL MATCH DEL 6 APRILE 1987

Bradipolibri editore, pp. 128, 13.00, Marzo 2010

A cura di Andrea Bacci per la collana Jab sinistro, gancio destro Marvin Hagler, detto "Il meraviglioso", e "Zucchero" Ray Leonard sono stati due dei più grandi pugili della storia della Nobile Arte. Due eccezionali campioni che sono riusciti a uscire dalla cerchia del loro sport per diventare dei personaggi, dei fenomeni sociali, capaci di accendere le folle e di far gravitare su di loro non solo passioni e tifo, ma anche e soprattutto montagne di soldi. Era nella logica dello sport-business americano che , prima o poi, ci fosse un match che li avrebbe visti l'uno contro l'altro. Non era proprio nella logica sportiva che l'evento si avverasse: Hagler era il campione del mondo incontrastato dei pesi medi da quasi sette anni e dopo undici difese del suo titolo, Leonard era stato campione in due categorie inferiori, welter e superwelter, ma era inattivo da tre anni dopo un guaio a un occhio. Leonard era comunque un uomo ricco e realizzato, ma aveva in mente di regalarsi un'ultima impresa, dopo quelle già messe a segno prima dei suoi due ritiri e prima delle operazioni chirurgiche: affrontare il più grande atleta del pugilato americano, Hagler, quello che insieme a lui, e al grande Muhammad Alì, si contendeva il titolo di più grande combattente della storia della boxe. Il 6 aprile 1987, al Caesars Palace di Las Vegas, il match si fece sul serio. Fu un evento incredibilmente importante nella storia della boxe, con un risultato che ancora, a oltre vent'anni di distanza, fa dividere non solo i loro tifosi, ma anche i due protagonisti.

GLI OCCHI TRISTI DELLA PANTERA NERA

VITA DI EUSEBIO DA SILVA FERREIRA

Limina Edizioni, pp. 117, 17.00, Aprile 2009

Eusebio Da Silva Ferreira è l'icona vivente del calcio portoghese. Ma non solo. E stato l'unico giocatore europeo che negli anni Sessanta ha potuto essere paragonato al grande Pelé. Eusebio, come semplicemente è passato alla storia del calcio mondiale, era un ragazzo africano di una colonia portoghese, il Mozambico, che a diciannove anni arrivò con il suo carico di sogni e speranze in una delle più forti squadre europee, il Benfica. Figlio di un bianco portoghese e di una donna nera, Eusebio ha incarnato per quindici anni il calcio lusitano nella sua essenza finora irripetibile: dotato di un fisico potente e compatto, di un dribbling in velocità al limite della perfezione, di un tiro preciso e micidiale che ne ha fatto uno straordinario realizzatore di gol di rara bellezza. Come un romanzo la sua giovinezza e la sua camera, i suoi gol e le sue imprese. Rimarrà tutta la vita il ragazzo semplice con i piedi per terra, la Pantera Nera con gli occhi tristi e il cuore rivolto alla città africana in cui era nato. Una pantera arrivata dalla savana per dare spettacolo e far sognare i tifosi, ma stretta in uno stadio come in una gabbia. Segnare tanti gol e portare la sua squadra alla vittoria era il suo destino. E la sua condanna.

E' FINITA SI DICE ALLA FINE

STORIE DI VITTORIE IMPOSSIBILI

Pubblicato in proprio, pp. 224, 15.00, Gennaio 2009

Quarant'anni di storie di uomini di sport, di fenomeni veri o presunti tali, di vicende che segnano per sempre lo stato d'animo degli atleti e i ricordi dei tifosi. Trentacinque vittorie impossibili, quelle cioè cui un atleta o una squadra credeva irraggiungibili od oramai perdute per sempre, ma che invece si sono avverate. Vittorie che diventano così impossibili da cancellare dal cuore e dalla memoria, e che restano per sempre vivide e lucenti, che raccontano le vie incredibili dello sport e le emozioni che solo questo può regalare.

ANCHE LA JUVE PERDEVA

ERRORI, SFORTUNA E MISTERI IN VENTI BATOSTE BIANCONERE, DAL 1970 A FARSOPOLI

Pubblicato in proprio, pp. 133, 13.00, Gennaio 2009

La Juventus, la squadra che per assioma ha sempre vinto rubando, qualche volta ha anche perso partite prestigiose, e spesso lo ha fatto anche in maniera sfortunata e per nulla chiara. Scudetti sfuggiti all'ultima giornata, Coppe perse in finale, tanti protagonisti e tante storie da rivivere tutte d'un fiato con tanto rammarico, per chi tifa Juve) e con il sorriso sulle labbra (per chi non lo fa). Libro curioso, a modo suo un atto d'amore.

SECONDO MA IMBATTUTO

L'INCREDIBILE STORIA DEL PERUGIA, CAMPIONATO 1978-79

Pubblicato in proprio, pp. 101, 13.00, Gennaio 2009

La meravigliosa avventura calcistica del Perugia del 1978-79. Partita solo per fare un campionato tranquillo cui chiedere una tranquilla salvezza, la squadra di D'Attoma, Ramaccioni e Castagner invece becca l' annata eccezionale, e con i suoi ragazzi sfiora lincredibile vittoria del campionato, finendo seconda in classifica ma senza perdere una partita. Un viaggio entusiasmante indietro nel tempo che si impreziosisce dei ricordi di tanti protagonisti di quella memorabile stagione.

IL SOGNO INTERROTTO DI MIRO PANIZZA

L'EMOZIONANTE SFIDA CON HINAULT AL GIRO D'ITALIA

Ediciclo Editore, pp. 128, 12.00, Aprile 2008

Prima di iniziare, il Giro d'Italia del 1980 ha già un vincitore, Bernard Hinault, fuoriclasse francese detto il "Tasso". Il francese sembra avere vita facile, nonostante le gesta di alcuni italiani, come Visentini, Battaglin e Baronchelli. Ma tra tutti questi campioni, c'è un ciclista esperto, il secondo corridore più anziano al giro. Si chiama Vladimiro Panizza, ma lo chiamano la "Roccia". Capitano mancato, Panizza è diventato negli anni un gregario di qualità ed è conosciuto per essere un uomo e un ciclista generoso, che non si tira indietro mai. In quel Giro, a 35 anni, Panizza scopre dentro di sé quella fame di gloria e successo per troppi anni messa a tacere. Visto che nessuno si oppone allo strapotere di Hinault, allora pensa di farlo lui, in proprio. A Roccaraso si incolla alle caviglie del francese e raggiunge, per la prima volta in carriera, la maglia rosa, il sogno di tutta la vita. Ma non si accontenta: vuole che il suo sogno impossibile, vincere il Giro, possa diventare realtà. Quella da Roccaraso a Milano diventa quindi una dura lotta tra la "Roccia" e il "Tasso" per conquistare l'agognata "Rosa".

DIECI SORPASSI E UN TERREMOTO

PERSONAGGI E SEGRETI DI UNDICI SCUDETTI CON BRIVIDO FINALE (1967-2006)

Bradipolibri editore, pp. 160, 13.80, Maggio 2007

Come recita il sottotitolo, il libro è un viaggio intorno a storie, personaggi e segreti di undici scudetti con brivido finale, ossia le situazioni in cui una classifica di un campionato di serie A ha visto sconvolgere la sua conclusione con una squadra che ne ha sopravanzata un'altra proprio all'ultimo respiro. Dal 1967, connotato dalla papera dell'interista Sarti che regalò di fatto lo scudetto alla Juve, fino a oggi, queste undici occasioni sono tutte circondate da aloni di misteri e di storie, anche poco edificanti, di eventi che con il calcio poco hanno (o dovrebbero avere) a che fare. Ma ciò non toglie nulla alla bellezza della rivisitazione di queste storie, spesso poco conosciute, tra cui la doppia fatal Verona del Milan, il pantano di Perugia in cui rimase invischiata la Juve, il pianto di Ronaldo a Roma fino ad arrivare allo sconvolgente anno 2006. Per appassionati, e non solo, ma da leggere sicuramente.

LA QUARTA STELLA

L'AVVENTURA AZZURRA IN GERMANIA

Limina edizioni, Arezzo, pp.201, 13.50, Settembre 2006

Inattesa, fuori da ogni logica. Per questi stessi motivi bella, bellissima, di fascino sconvolgente. La vittoria italiana al Mondiale tedesco è la quarta stella, la più luminosa e la più brillante, per la sua storia e la sua incredibile genesi. Il gruppo di Marcello Lippi, nato da una ridicola sconfitta islandese, si è forgiato con il tempo nel carattere indomito del suo allenatore. La vittoria al Mondiale 2006, la quarta stella, non nasce dal tocco del fuoriclasse, dall'invenzione estetica, da un tema tattico sopraffino. La vittoria di questo gruppo, segnato dall'infortunio di Nesta, dalla convalescenza di Totti, dai pochi minuti preziosi di Del Piero, ha l'animo umile e la voglia di sacrificarsi della sua ciurma di uomini veri. Ha il cuore di Gattuso, le gambe di Perrotta, il cervello di Pirlo, il petto di Materazzi, la chioma di Camoranesi, il sudore di Toni, il sorriso di Grosso, il fiato di Zambrotta, le mani di Buffon, i muscoli di Cannavaro, perfetto capitano in campo e fuori, gli scatti di Iaquinta, Gilardino, Inzaghi. Ha la voce e la passione di tutti gli sportivi italiani che hanno visto in questa vittoria, in questo gruppo in perenne balia delle onde, la rivincita dei valori autentici del calcio sugli scandali e sulle miserie di certi personaggi e di certi modi di fare.

L'ULTIMO VOLO DELL'ANGELO BIONDO

ANGELO JACOPUCCI, PUGILE

Limina Edizioni, Arezzo, pp. 137, 13.50, Aprile 2006

La grande tragedia di Angelo Jacopucci, sfortunato pugile che perse la vita alla fine di un incontro perso, valevole per il titolo Europeo dei pesi medi contro il fortissimo inglese Alan Minter. La storia straordinaria di un ragazzo di provincia che con la sola forza dei suoi pugni e il suo essere personaggio arriva alla notorietà e al successo sportivo, prima di iniziare la sua parabola discendente che terminerà in modo drammatico e indimenticabile. Un grande uomo, un pugile da conoscere. Premio Selezione XXXXIV° Bancarella Sport 2007.

VITTORIE, BATOSTE E COLPI DI TESTA

IL PERUGIA DI GAUCCI DA DOSSENA A GHEDDAFI, ALESSANDRO E IL CRACK DEL 2005

Era Nuova Edizioni, Perugia, pp. 206, 15.00, Novembre 2005

Presentazione di Mario Mariano, Prefazione di Renato Locchi Tutto, ma veramente tutto, sulla storia del Perugia calcio sotto la gestione di quell'incredibile personaggio che è stato Luciano Gaucci. Tutte le partite, tutti i calciatori, tutti i protagonisti, tutte le tante vittorie, tutte le tante sconfitte e soprattutto tutti i tanti colpi di testa di un uomo di calcio discusso e discutibile ma sempre vero, genuino e sanguigno. Dossena, Cosmi, Gheddafi sono solo alcuni dei personaggi di una storia che non deve mancare nello scaffale sportivo, non solo dei tifosi perugini.

CONTINUA A CORRERE, RENATO CURI!

Bradipolibri editore, Torino, pp. 128, 12.00, Ottobre 2005

A cura di Francesco Caremani per la collana Bandiere a mezz'asta La storia, la breve vita e l'indimenticabile carriera di Renato Curi, giovane centrocampista del Perugia dei Miracoli, che morì tragicamente dentro lo stadio della città umbra durante una partita contro la Juventus, in un indimenticabile e drammatico 30 ottobre 1977. Una storia che molti non conoscono, quella di un piccolo grande campione e del suo fragile cuore che quel giorno cessò per sempre di battere.

IL CAPPOTTO SPAGNOLO

PARATE, PAZZIE E VOLI ACROBATICI DEL DOTTOR LAMBERTO BORANGA

Limina edizioni, Arezzo, pp. 211, 13.50, Aprile 2005

Il racconto della vita e delle mille carriera, non ancora tutte terminate, di Lamberto Boranga, rara figura di calciatore degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta impegnato in politica, con una carriera parallela da apprezzato medico sportivo. Una vita raccontata nelle sue svariate sfaccettature , dal calcio al calcio a cinque, dal pugilato al varietà, dalla politica alla lotta al doping. Una vita e una carriera ma soprattutto un uomo vero da conoscere fino in fondo.

CUORE DI POLLICINO

STORIA DI VINCENZO MAENZA

Limina Edizioni, Arezzo, pp.216, 13.50, Maggio 2004

Il racconto tutto d'un fiato della vita e della carriera di Vincenzo Maenza, lo straordinario Pollicino, il lottatore da 48 chilogrammi due volte medaglia d'oro olimpica e una volta medaglia d'argento. Il romanzo dello sport autentico, fatto di pochi soldi e di tanto sudore, di una lotta stranua e continua non solo contro l'avversario ma contro un futuro incerto, dove la sola via per farsi trada nella vita, è quella, semplice e drammatica allo stesso tempo, di vincere. Vincere e basta. Vincenzo Maenza è uno di quelli che ha vinto, nonostante tutto.

DAL CILE ALLA SECONDA COREA (DA ASTON A MORENO)

LE UNDICI PARTITE DELLA NAZIONALE DA GIOCARE UN'ALTRA VOLTA

Libri di Sport Edizioni, Bologna, pp. 158, 13.00, Luglio 2003

A cura di Christian Giordano La storia, la cronaca, i misteri e i personaggi delle undici partite più discusse e tragiche della storia della Nazionale italiana. Dalla partita contro il Cile nel Mondiale '68 a quella contro la Corea nel 2002, undici gare che hanno determinato undici terremoti di polemiche e di rimpianti. Un viaggio tra sconfitte, tra commissari tecnici, tra calciatori, tra avversari e arbitri seguendo le grandi cronache dei grandi giornalisti della carta stampata, rivivendo minuto per minuto ogni partita, analizzando ogni aspetto come al microscopio, alla scoperta di ciò che davanti alla tv non si è né visto né sentito. Il libro è stato protagonista di una puntata della trasmissione Lo Sciagurato Egidio di Sky Sport condotta da Giorgio Porrà, con presentazione di Gianluca Vialli e con ospiti in studio l'Autore, Beppe Bergomi e José Altafini, Cologno Monzese, maggio 2004.

LO SPORT NELLA PROPAGANDA FASCISTA

Bradipolibri editore, Torino, pp. 236, 18.50, Novembre 2002

Prefazione di Antonio Ghirelli L'uso strumentale che delle competizioni agonistiche ha fatto il fascismo per propagandare un'ideologia politica improntata al nazionalismo e al culto della forza fisica; gli aspetti sociologici dell'intervento di Mussolini nell'organizzazione e nello sfruttamento massimediatico delle gare sportive di alto livello; l'orgia di retorica fino al disastro finale, attraverso i personaggi, le varie fasi dell'associazionismo sportivo, lo sviluppo delle testate giornalistiche dedicate allo sport, le teorie politiche e l'avvento dello sport-spettacolo. Un lavoro attento, puntuale, ampiamente documentato che rivela come il progetto fascista di sport per tutti non abbia potuto realizzarsi. Secondo classificato sezione saggistica Premio Letterario Lago Gerundo 2003. Targa d'Onore quale Opera di alto valore saggistico al XXXX° Premio Bancarella Sport 2003.


CATENACCIO

UOMINI E STORIE DEL CALCIO: DA URUGUAY '30 A EURO 2000

Alberti & C. Editori, Arezzo, pp. 197, 19.90, Luglio 2001

I Mondiali di calcio, gli Europei, i tornei olimpici, il Mundialito '81: tutte le manifestazioni internazionali che dagli anni Trenta fino all'anno 2000 hanno visto protagonista la Nazionale italiana. Una carrellata di storie e di uomini, tra cronaca, aneddoti e particolari inediti, un viaggio dissacrante, divertente e divertito oltre i risultati sportivi e le classifiche, oltre chi ha vinto e chi ha perso. Uno strumento importante per chi la storia del calcio non la conosce e per chi la volesse approfondire con il sorriso sulle labbra. Un testo fondamentale per tutti gli innamorati romantici del gioco più bello del mondo. Menzione speciale sezione saggistica Premio Letterario Lago Gerundo 2002.

MARCO BAGOZZI
MARCO BALLESTRACCI
ALESSANDRO BASSI
STEFANO BEDESCHI
SIMONE BERTELEGNI
ALBERTO FACCHINETTI
renato favretto
stefano ferrio
simone galeotti
davide grassi
MARCO IMPIGLIA
michela lanza
LORENZO LONGHI
RICCARDO LORENZETTI
diego mariottini
CARLO MARTINELLI
FEDERICO MASTROLILLI
giuseppe ottomano
VINCENZO PALIOTTO
pier francesco pompei
MAURIZIO PUPPO
SERGIO TACCONE