IL volo di volodja

Vladimir Jaščenko, campione fragile

Prefazione di Franco Bragagna. Con un ricordo del prof. Carlo Vittori

Miraggi Edizioni

Conosciuto da tutti come Volodja, Vladimir Jaščenko irruppe sulle prime  pagine delle cronache sportive di tutto il mondo nell’estate del 1977, quando batté il record mondiale di salto in alto ad appena diciotto anni (233 cm), saltando ancora con la tecnica ventrale, già allora considerata obsoleta. In Italia divenne particolarmente popolare nel marzo dell’anno successivo, allorché in occasione dei campionati europei indoor di atletica leggera di Milano saltò 235 cm, nuovo record mondiale. Grazie alla testimonianza diretta di Timohin e al lavoro di ricerca di Ottomano, Il volo di Volodja ci racconta il “volo” atletico e umano di  questo smisurato talento sportivo, vicenda breve e unica di un personaggio troppo anticonformista per  l’Urss degli anni Settanta, descritta con fedeltà nell’ambientazione e nella rigidità dei rapporti umani e  sociali.
La vita tormentata di un ragazzo fragile, destinato a diventare un campione e un idolo, dall’ascesa

dei primi incredibili voli oltre l’asticella alla brusca interruzione  per infortunio, a soli 20 anni, alla parabola discendente, conclusasi con la tragica caduta in una vita ai margini e una morte prematura.

MARCO BAGOZZI
MARCO BALLESTRACCI
ALESSANDRO BASSI
STEFANO BEDESCHI
SIMONE BERTELEGNI
ALBERTO FACCHINETTI
renato favretto
stefano ferrio
simone galeotti
davide grassi
MARCO IMPIGLIA
michela lanza
LORENZO LONGHI
RICCARDO LORENZETTI
diego mariottini
CARLO MARTINELLI
FEDERICO MASTROLILLI
giuseppe ottomano
VINCENZO PALIOTTO
pier francesco pompei
MAURIZIO PUPPO
SERGIO TACCONE